L’impegno non fa per lui

Un mondo artificiale, altro che natura. Rendering in 3D e stronzate del genere, con la montagna che la fa da padrone. C’è tanta roba bianca, farinosa e fredda, tutta nell’incavo del collo.
Una colonna di storpi con inutili scarponi correttivi alla Frankenstein e fasci di propaggini appuntite fra le mani lo attendono minacciosi.

Lui si volta, torna verso il piazzale con l’asfalto a vista. Le volute lasciate sul corpo bianco dei monti da centinaia di lamine precise sono troppo maniacali per essere vere. Le cime sconfinano, si slabbrano nel cielo azzurro come in una soluzione medica.
Cammina fino al punto in cui un muro di neve lo separa dalla discesa e si arrampica brevemente: la foschia dell’orizzonte si coalizza con il nostro contributo al mondo, e dall’unione di aria e smog nasce una specie di mare immobile che non convince nessuno, forse un po’ i bambini.

Allo stesso modo dalle spiagge pettinate le onde sembrano lunghe catene montuose in movimento spruzzate di neve, che se ti immergi vedi continuare sott’acqua sotto forma di roccia vera. Una vertigine salata che fa intuire di essere fuori posto. Fortuna c’è il baretto a pochi metri, tutto costruito con materiali naturali.

Che pena per l’uomo scandire la propria vita immerso o sospeso fra mare e montagna, tutelandoli per poterli sfruttare meglio, proteggendoli da loro stessi fino a trasformarli in tristissimi parchi giochi.

Non dovrebbe essere così, lui pensa, tornando indietro.
L’uomo è fatto di città, il resto sono cose che capitano.
A me è toccata la montagna, di cui non mi interessa quasi nulla.
In compenso mi sento totalmente estraneo al mare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...